[Agorà magazine] : Ristorazione e salute: l’alta cucina rivista …

ecco un primo “lancio” su: 

[Agorà magazine] : Ristorazione e salute: l’alta cucina rivista

( F. Bonazzi). A Gusto in Scena, la ristorazione è analizzata sotto un nuovo A Gusto in scena, Scaglione darà il proprio parere e la propria lettura al
www.agoramagazine.it/agora/spip.php?breve165 – 35k – 21 ore fa –

TUTTO SU GUSTO IN SCENA 2008
GRANDI NOMI APRONO GUSTO IN SCENA
Venezia- Molino Stucky Hilton Venice
3-5 marzo 2008

Relatori di eccezione di Italia e Spagna apriranno la prima edizione di Gusto in Scena. A dare il via all’evento sarà Chef in Concerto, congresso gastronomico internazionale, che vedrà in apertura il “padre” della ristorazione italiana moderna, Gualtiero Marchesi. Il Maestro, come è noto in tutto il mondo, è uno degli chef più noti e innovativi. Sua è la creazione del risotto con foglia d’oro che fece parlare il mondo intero. Marchesi è anche rettore della prima Scuola Internazionale di Cucina Italiana, Alma. Marchesi interverrà in apertura della giornata per lasciare poi la parola a un vero fuoriclasse della cucina iberica, Martín Berasategui, per la prima volta in Italia. Considerato  uno dei cuochi spagnoli più creativi del momento, Berasategui è definito come “un uomo di paese convertito in presidente della repubblica gastronomica”. Basco, viaggiatore, aperto a tutte le cucine del mondo, afferma “Il mio mestiere non ha frontiere”. Con la sua cucina ha trovato un punto d’equilibrio tra le esigenze di oggi, ovvero leggerezza, mescolanza di sapori, virtuosità tecnica, e l’appartenenza al suo paese.

Sempre dalla Spagna arriva Josep Roca, titolare assieme ai fratelli del ristorante 2 stelle Michelin, El Celler de Can Roca. Roca parlerà di ristorazione da un punto di vista originale, ovvero quello del sommelier. Nel ristorante di famiglia, infatti, Josep ha l’arduo compito di studiare l’abbinamento cibo vino  in una cucina molto particolare. A El Celler si propongono piatti come ostriche con gelatina di distillato di terra di montagna e addirittura dolci serviti su carta assorbente imbevuta dei profumi di famose maison. Abbinare i vini diventa quindi quasi impossibile ma Josep ci è riuscito…
Relatori della giornata saranno anche Riccardo Del Prà, Marco Bistarelli, Marco Bortolini, Jordi Butron. Grande ospite della giornata sarà il prof. Francesco Scaglione, farmacologo di fama internazionale con un passato nelle cucine di ristoranti stellati. Per la prima volta Francesco Scaglione parlerà della cucina dal punto di vista del medico, ma soprattutto del farmacologo Nel primo intervento parlerà dell’integrità nutrizionale delle verdure ovvero… fino a quando sono fresche? Nel secondo intervento analizzerà le “nuove sostanze” addensanti, gelificanti e coloranti nel loro viaggio all’interno del nostro organismo. Per la prima volta qualcuno affronta un problema così importante.

Gusto in Scena ospiterà per le tre giornate anche gli eventi I Magnifici Vini di Mare, Montagna, Pianura e Collina e Seduzioni di Gola,  aperti al pubblico. A “I Magnifici Vini di Mare, Montagna, Pianura e Collina” si potrà conoscere il nuovo metodo di degustazione ideato e brevettato con riconoscimento europeo dal giornalista Marcello Coronini, che introduce per la prima volta la suddivisione dei vini per ambiente di produzione: mare, montagna, pianura e collina. Questa classificazione farà capire come l’ambiente diverso influenzi il vino ma anche e soprattutto quanto le differenze derivino dalla storia e dalla tradizione di quel luogo. Le circa 100 aziende selezionate presenteranno quasi  300 vini provenienti da tutte le regioni più vocate, classificate nelle quattro diverse categorie grazie al contributo scientifico di Attilio Scienza, uno dei nomi più noti della ricerca vitivinicola.

Con “Seduzioni di Gola” saranno invece di scena gli “sfizi” gastronomici, rappresentati da produttori di specialità dolci e salate di grande qualità provenienti da tutta Italia.

 l´enogastronomia diventa spettacolo.
‘enogastronomia diventa spettacolo
 
Venezia ospita tre eventi in uno dedicati all’incontro fra ristorazione ed enologia di qualità
Venezia diventa capitale dell’enogastronomia di alto livello. Avverrà dal 3 al 5 marzo presso lo splendido Molino Stucky sull’Isola della Giudecca durante Gusto in Scena, la prima manifestazione che farà incontrare il mondo della ristorazione e i grandi vini. Al pubblico saranno dedicati gli eventi “I Magnifici Vini di Mare, Montagna, Pianura e Collina” e “Seduzioni di Gola” mentre i professionisti della ristorazione si confronteranno durante “Chef in Concerto”, il primo congresso gastronomico che vedrà protagonisti 30 grandi relatori italiani e spagnoli.

A “I Magnifici Vini di Mare, Montagna, Pianura e Collina” il pubblico, gli operatori del settore e i giornalisti potranno conoscere il nuovo metodo di degustazione ideato e brevettato con riconoscimento europeo dal giornalista Marcello Coronini, che introduce per la prima volta la suddivisione dei vini per zona di produzione: mare, montagna, pianura e collina. Questa classificazione farà capire come l’ambiente diverso influenzi il vino ma anche e soprattutto quanto le differenze derivino dalla storia e dalla tradizione di quel luogo. Vanta quindi una valenza culturale profonda. Sono 100 le aziende selezionate, che presenteranno circa 300 vini, provenienti dalle regioni più vocate; la classificazione nelle quattro diverse categorie verrà fatta grazie al contributo scientifico di Attilio Scienza, uno dei nomi più noti della ricerca vitivinicola. La seconda esclusiva de “I Magnifici Vini ” sarà la presentazione di aree viticole di eccellenza ancora poco conosciute da cui provengono vini come il Rùfina ed il Lugana, due prodotti accomunati da una caratteristica: la grande longevità. Particolare attenzione sarà dedicata al Nebbiolo e alle aree che coltivano questo vitigno realizzando vini unici e che in alcuni casi presentano una storia ancor più antica delle denominazioni più blasonate: non Barolo e Barbaresco, quindi, ma Roero, vino di grande eleganza, e le denominazioni del Novarese e Vercellese: Ghemme, Gattinara, Boca, Lessona e Bramaterra. Infine la Valtellina, area di montagna dove il Nebbiolo prende il nome di Chiavennasca. Grazie a queste scelte di Marcello Coronini sarà possibile compiere un vero viaggio fra interpretazioni diverse e poco note di un grande vitigno.
A Gusto in Scena saranno inoltre presenti piccole cantine quasi sconosciute, vere e proprie scoperte che meritano attenzione.
Con “Seduzioni di Gola” saranno di scena gli “sfizi” gastronomici, rappresentati da produttori di specialità dolci e salate provenienti da tutta Italia.

Appuntamento dedicato al settore ristorazione è invece il congresso gastronomico Chef in Concerto, dove chef di fama mondiale si interrogheranno sul futuro della ristorazione.
Il congresso vedrà infatti protagonisti chef di eccellenza dall’Italia e dalla Spagna, due paesi uniti da una istintiva amicizia e complementari. L’Italia è soprattutto conosciuta come la cucina della tradizione, mentre la Spagna ha connotato il proprio stile degli ultimi anni con un’ innovazione molto forte. I due paesi siederanno fianco a fianco a Gusto in Scena grazie a 30 relatori internazionali e circa 400 congressisti. Tra i nomi che si alterneranno sul palco: Juan Mari Arzak; Nando Jubany; Martin Berasategui; Marco Bistarelli; Massimo Bottura; Jordi Butron; Alfonso Caputo; Chicco Cerea; Pietro D’Agostino; Corrado Fasolato; Herber Hinter; Livia e Alfonso Jaccarino; Pietro Leemann; Gualtiero Marchesi; Norbert Niederkofler; Fina e Manuel Puigdevall; Ciccio Sultano; Paolo Teverini; Gaetano Trovato; Mauro Uliassi.

Durante il congresso i relatori affronteranno due temi: Tradizione e Innovazione e Le Verdure e le Erbe. Si parlerà infatti di quanto sta succedendo nel settore, andato forse “troppo oltre” a causa di un eccesso di spettacolarizzazione, che spesso ha privilegiato l’estetica del piatto rispetto al gusto. Negli ultimi anni, infatti, si è assistito ad una “cucina della globalizzazione” dove le mode internazionali, la ricerca esasperata, gli ingredienti “originali”, le lavorazioni complesse e le nuove tecnologie hanno fatto tendenza. Questo ha portato alla creazione di piatti stupefacenti più che emozionanti. Quello che verrà chiesto ai relatori sarà di esprimere in modo semplice, anzichè spettacolare, il loro concetto di cucina rendendo protagoniste le verdure e le erbe. Ogni relatore affiancherà al proprio intervento la realizzazione di due piatti che esprimono la sua filosofia.

A Chef in Concerto si parlerà anche di architettura modellata sull’alta ristorazione: interverranno, Manel e Fina Puigdevall, i titolari di LES COLS, ristorante stellato di Olot (Spagna). Dopo diciassette anni di attività hanno deciso di creare un ristorante che esprimesse anche attraverso l’architettura e l’arredamento la cucina e la filosofia di Fina. Si sono rivolti a tre architetti di fama mondiale, vecchi compagni di scuola di Fina: Aranda, Pimgem e Vilalta.
Per un anno si sono incontrati per cogliere la vera essenza di questa cucina e solo dopo hanno iniziato a progettare il ristorante traducendo la passione e le idee in architettura e dando la possibilità di offrire agli ospiti del Les Cols un’esperienza sensoriale a 360°.

Chef in Concerto vedrà anche la partecipazione dei Giovani Ristoratori d’Europa e dell’associazione Buon Ricordo che attraverso alcuni relatori presenteranno le loro idee e le loro creazioni.

“Gusto in Scena” sarà infine un’opportunità per visitare Venezia. Da solo, Molino Stucky vale già un viaggio. Antico mulino realizzato nella tipica architettura industriale ottocentesca, la cui struttura comprende ben 13 edifici, si trova nell’incantevole isola della Giudecca. Perfettamente restaurato dalla nota catena alberghiera Hilton, è stato inaugurato qualche mese fa come hotel a 5 stelle. “Gusto in Scena” sarà il primo evento enogastronomico ospitato in questa splendida sede.
GUSTO IN SCENA – IL PROGRAMMA
Chef in Concerto
Lunedì 3, Martedì 4 marzo 2008 e Mercoledì 5 marzo

ore 9.30-12.30 e 15.00-18.00 congresso chef

“I Magnifici Vini– Seduzioni di Gola”
Lunedì 3 marzo e Martedì 4 marzo
Ore 11.00 – 19.00 apertura delle degustazioni
Mercoledì 5 marzo
Ore 11,00-18.00 apertura delle degustazioni

Lunedì 3 marzo
Ore 11.30 – 19.30: apertura delle degustazioni per I Magnifici Vini e Seduzioni di Gola
Ore 9.30-12.30 e 15-18: Chef in Concerto
Martedì 4 marzo
Ore 10.30 – 19.30: apertura delle degustazioni per I Magnifici Vini e Seduzioni di Gola
Ore 9.30-12.30 e 15-18: Chef in Concerto
Mercoledì 5 marzo
Ore 10.30-18.00: apertura delle degustazioni per I Magnifici Vini e Seduzioni di Gola
Ore 9.30-13 e 15-18: Chef in Concerto

L’ingresso a Chef in Concerto sarà riservato agli iscritti al congresso.
A I Magnifici Vini e Seduzioni di Gola potranno accedere tutti i congressisti, i giornalisti, gli altri operatori su invito. Il pubblico mediante un biglietto di 20 €.
La stampa accreditata avrà libero accesso.
 
 
 
<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<
A Chef in Concerto si parla del futuro della ristorazione
 
Gusto in Scena
Venezia- Molino Stucky Hilton Venice
3-5 marzo 2008
 
 
Venezia ospiterà per la prima volta dal 3 al 5 marzo il congresso gastronomico Chef in Concerto, dove famosi chef di Italia e Spagna si interrogheranno sul futuro della ristorazione.
L’evento si svolgerà nell’ambito di Gusto in Scena, format che, oltre a Chef in Concerto, vedrà I Magnifici Vini di Mare, Montagna, Pianura e Collina con 100 cantine selezionate da tutta Italia e Sfizi di Gola, dedicato alle migliori produzioni artigianali. A Gusto in Scena per la prima volta il mondo della ristorazione e il mondo del vino si incontreranno.
Il congresso gastronomico Chef in Concerto vedrà protagonisti chef di eccellenza dall’Italia e dalla Spagna, due paesi uniti da una istintiva amicizia e complementari. L’Italia è infatti soprattutto conosciuta come la cucina della tradizione, mentre la Spagna ha connotato il proprio stile degli ultimi anni con un’ innovazione molto forte. I due paesi siederanno fianco a fianco a Gusto in Scena grazie a 30 relatori internazionali e circa 400 congressisti. Tra i nomi che si alterneranno sul palco Juan Mari Arzak; Nando Jubany; Martin Berasategui; Marco Bistarelli; Massimo Bottura; Jordi Butron; Alfonso Caputo; Chicco Cerea; Pietro D’Agostino; Corrado Fasolato; Herber Hinter; Livia e Alfonso Jaccarino; Pietro Leemann; Gualtiero Marchesi; Norbert Niederkofler; Fina e Manuel Puigdevall; Ciccio Sultano; Paolo Teverini; Gaetano Trovato; Mauro Uliassi.
Durante il congresso i relatori affronteranno due temi: Tradizione e Innovazione e Le Verdure e le Erbe. Si parlerà infatti di quanto sta succedendo nel settore, andato forse “troppo oltre” a causa di un eccesso di spettacolarizzazione, che spesso ha privilegiato l’estetica del piatto rispetto al gusto. Negli ultimi anni, infatti, si è assistito ad una “cucina della globalizzazione” dove le mode internazionali, la ricerca esasperata, gli ingredienti “originali”, le lavorazioni complesse e le nuove tecnologie hanno fatto tendenza. Questo ha portato alla creazione di piatti per stupire più che per emozionare. Quello che verrà chiesto ai relatori sarà di esprimere in modo semplice, anzichè spettacolare, il proprio concetto di cucina rendendo protagoniste le verdure e le erbe. Ogni relatore affiancherà al proprio intervento la realizzazione di due piatti che esprimono la propria filosofia.
Chef in concerto presenterà anche molte esclusive. Fra queste l’intervento de LES COLS , ristorante stellato di Olot ( Spagna). Fina Puigvert e il marito Manel racconteranno la propria esperienza, che rappresenta un caso unico a livello internazionale. Les Cols è infatti il primo ristorante realizzato sui principi dell’architettura del gusto. Il progetto e l’arredamento del ristorante sono stati studiati dai tre architetti di fama internazionale Aranda, Pigem e Vilalta, dello studio RCR di
Olot, compagni di scuola di Fina. Obiettivo: esprimere il personale concetto di cucina dei coniugi Piugvert. Chef in Concerto vedrà anche la partecipazione dei Giovani Ristoratori d’Europa e dell’associazione Buon Ricordo che attraverso alcuni relatori presenteranno le loro idee e le loro creazioni.

I congressisti avranno libero accesso a Seduzioni di Gola, rassegna di “sfizi” gastronomici, rappresentati da produttori di specialità dolci e salate provenienti da tutta Italia, e a I Magnifici Vini, appuntamento che vedrà protagoniste un centinaio di cantine, dalla Sicilia all’Alto Adige, note o emergenti, divise per mare, montagna, pianura e collina secondo la classificazione ideata e brevettata da Marcello Coronini. La suddivisione sarà curata dal professor prof. Attilio Scienza, referente scientifico della manifestazione e nome tra i più noti della ricerca vitivinicola italiana.
A fare da cornice sarà lo splendido Mulino Stucky Hilton sull’isola della Giudecca di fronte a Piazza San Marco, cuore di Venezia.
 
 
Informazioni per il pubblico :
www.gustoinscena.itinfo@gustoinscena.it
 
 
Grandi Vini da scoprire a Gusto in Scena 
 
Venezia ospita tre eventi in uno dedicati all’incontro fra ristorazione e enologia di qualità
Venezia- Molino Stucky Hilton Venice
3-5 marzo 2008
 
Venezia diventa capitale del bere bene. Avverrà dal 3 al 5 marzo presso lo splendido Molino Stucky sull’Isola della Giudecca durante Gusto in Scena, la prima manifestazione che farà incontrare il mondo della ristorazione e i grandi vini. Al pubblico saranno dedicati gli eventi I Magnifici Vini di Mare, Montagna, Pianura e Collina e Seduzioni di Gola mentre i professionisti della ristorazione si confronteranno in Chef in Concerto, il primo congresso gastronomico che vedrà 30 grandi relatori italiani e spagnoli presentare il proprio punto di vista sul futuro del settore, che negli ultimi anni ha visto un eccesso di spettacolarizzazione.
E’ la prima volta che Venezia diventa protagonista dell’enogastronomia con un evento di questo livello. A “I Magnifici Vini di Mare, Montagna, Pianura e Collina” il pubblico, gli operatori del settore e i giornalisti potranno conoscere il nuovo metodo di degustazione ideato e brevettato con riconoscimento europeo dal giornalista Marcello Coronini, che introduce per la prima volta la suddivisione dei vini per ambiente di produzione: mare, montagna, pianura e collina. Questa classificazione farà capire come un diverso ambiente influenzi il vino ma anche e soprattutto quanto le differenze derivino dalla storia e dalla tradizione di quel luogo. Un aspetto che assume quindi una valenza culturale profonda. L’Italia, infatti, non presenta un solo mare o una sola montagna ma molte realtà diverse frutto di secoli di lavoro e della fatica degli abitanti del posto. Proprio l’uomo, infatti, grazie all’esperienza secolare, ha sperimentato e selezionato certi vitigni in certi ambienti.
Le 100 aziende selezionate presenteranno circa 300 vini provenienti da tutte le regioni più vocate, classificate nelle quattro diverse categorie grazie al contributo scientifico di Attilio Scienza, uno dei nomi più noti della ricerca vitivinicola italiana. La seconda esclusiva di I Magnifici Vini sarà la presentazione di aree viticole di eccellenza ancora poco conosciute come ad esempio Chianti Rùfina e Lugana e di un originale percorso attraverso il Nebbiolo e i suoi molti volti. Verrà offerto poi un “viaggio virtuale” attraverso le diverse espressioni del Nebbiolo, vitigno straordinario. L’evento non si concentrerà su Barolo e Barbaresco, ovviamente grandissimi vini ma conosciuti da tutti, ma presenterà vini unici e che in alcuni casi presentano una storia ancor più antica delle denominazioni più blasonate. Anzitutto il Roero, dotato di grande eleganza, poi le altre denominazioni piemontesi del Novarese e Vercellese: Ghemme, Gattinara, Boca, Lessona e Bramaterra. Infine la Valtellina, area di montagna dove il Nebbiolo prende il nome di Chiavennasca, un’area dove la viticoltura è davvero “eroica” e frutto della fatica dell’uomo. Grazie a questi percorsi sarà possibile compiere un viaggio fra le interpretazioni diverse di un grande vitigno.
Durante le tre giornate i visitatori potranno quindi incontrare i produttori, scoprire i loro volti, la storia dei loro vini. Con “Seduzioni di Gola” saranno invece di scena gli “sfizi” gastronomici, rappresentati da produttori di specialità dolci e salate provenienti da tutta Italia.

“Gusto in Scena” sarà infine un’opportunità per visitare Venezia. Da solo, Molino Stucky vale già un viaggio. Antico edificio realizzato nella tipica architettura industriale ottocentesca che comprende 13 edifici e un mulino, si trova nell’incantevole isola della Giudecca. Perfettamente restaurato dalla nota catena alberghiera Hilton, è stato inaugurato qualche mese fa come hotel a 5 stelle.
“Gusto in Scena” sarà il primo evento enogastronomico ospitato in questa splendida sede.
 
 
<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<
Intervista di Marcello Coronini per il Corriere Vinicolo
 
A Venezia il mondo del vino incontra per la prima volta l’alta ristorazione
Tre eventi in uno nello splendido scenario dell’Hotel Hilton Molino Stucky sull’isola della Giudecca
Si terrà dal 3 al 5 marzo la prima edizione di Gusto in Scena, evento ideato da Marcello Coronini che per la prima volta farà incontrare vino e alta ristorazione. La manifestazione nasce dalla consapevolezza che, nonostante questi due mondi siano strettamente legati, comunicano ancora poco e ancor meno si incontrano in “territorio neutrale”. Per questo è stato ideato un format che vedrà tre eventi in contemporanea: Chef in Concerto, congresso gastronomico riservato alla ristorazione, I Magnifici Vini di Mare, Montagna, Pianura e Collina, dedicato ad una selezione di 100 cantine di tutta Italia, e Sfizi di Gola, rassegna delle specialità gourmet.
 
 
In tre risposte Marcello Coronini spiega l’evento ai lettori de Il Corriere Vinicolo.
Com’è nata l’idea di Gusto in Scena?
Quando mi è stato chiesto di realizzare la seconda edizione di I Magnifici Vini di Mare, Montagna, Pianura e Collina, ho voluto studiare un format nuovo, che non si sovrapponesse alle già molte manifestazioni. E’ nata così l’idea di fare incontrare il mondo del vino con la ristorazione, oltre che con il pubblico. Questa idea è stata accettata con entusiasmo dalle cantine. Non esiste infatti in Europa un evento di questo tipo eppure si tratta di due mondi che vivono in parallelo e hanno bisogno l’uno dell’altro!
Abbiamo quindi messo a punto il congresso gastronomico Chef in Concerto chiamando come relatori chef di eccellenza dall’Italia e dalla Spagna, due paesi uniti da una istintiva amicizia e complementari. L’Italia è infatti soprattutto conosciuta come la cucina della tradizione, mentre la Spagna ha connotato il proprio stile degli ultimi anni con un’ innovazione molto forte. Grazie a 30 relatori di fama internazionale provenienti da Italia e Spagna, a Chef in Concerto i ristoratori congressisti si interrogheranno sul futuro del settore che, negli ultimi anni, è forse andato “troppo oltre” a causa di un eccesso di spettacolarizzazione per una serie di ragioni tra cui l’aver privilegiato l’estetica del piatto rispetto al gusto.
Veniamo all’evento dedicato al mondo del vino. Come nasce la suddivisione Mare, Montagna, Pianura e Collina?
Nasce in modo quasi casuale. Tre anni fa a Venezia mi chiesero di organizzare un evento dedicato al vino di qualità in concomitanza con il Salone Nautico. Risposi che, visti i tempi ristretti, avrei potuto farlo solo se mi fosse venuta un’idea nuova. Questa arrivò sulla via del rientro a Milano: proporre un nuovo metodo di classificazione basato su Mare, Montagna, Pianura e Collina.
Si trattava di un concetto molto semplice ma nessuno ci aveva ancora pensato, come mi confermò Attilio Scienza. Dopo un anno, su mia proposta, questo metodo di classificazione ottenne un riconoscimento Europeo.
Ma c’è di più. Per la classificazione chiamai in aiuto Attilio Scienza, certamente uno dei nomi più autorevoli della ricerca vitivinicola. Presto ci rendemmo conto che non esiste un solo vino di mare o montagna, ma che in Italia ci sono molti mari e montagne. Ogni montagna, ogni mare e ogni collina è diversa in base alle fatiche costate all’uomo per scegliere la vite giusta per quel clima e quel terreno. Molti dei vini italiani derivavano quindi, oltre che dall’interazione tra clima e terreno, dal lavoro dell’uomo che lentamente, grazie all’esperienza secolare, ha sperimentato e selezionato certi vitigni in certi ambienti. La suddivisione in vini di Mare, Montagna, Pianura e Collina è quindi molto più che una classificazione geografica: ha infatti una valenza culturale profonda. E’ un concetto frutto di un lungo percorso storico e dell’ interazione fra uomo e vitigno, che ha portato a vini unici frutto della storia della gente del posto, che ha faticato molto e ha ottenuto vini perfettamente adattabili alla propria tradizione, anche gastronomica. Solo l’Europa nel mondo si può permettere di avere tante montagne, colline e pianure diverse e soprattutto una storia così ricca. Questo concetto a mio avviso si sposa perfettamente a quello dei vitigni autoctoni, di cui tanto si parla oggi..
Hai infine compiuto una scelta coraggiosa: presentare grandi vini di zone da scoprire piuttosto che chiamare le etichette più blasonate. Perchè?
Mi sono posto un problema: cosa può interessare al consumatore esperto e al professionista che ha molte occasioni per assaggiare vini? Perchè dovrebbe partecipare all’evento?
Ho quindi pensato di proporre la scoperta di territori meno conosciuti ma che producono vini di eccellenza. Fra questi ho selezionato l’area del Rùfina, zona che si conosce meno degli altri Chianti, dotato però di grande longevità. Un’altra realtà da scoprire è il Lugana, bianco molto interessante, che recentemente si è scoperto essere una mutazione del Trebbiano.
Infine il Nebbiolo. Ho voluto costruire un “viaggio virtuale” attraverso le diverse espressioni di questo straordinario vitigno. Piuttosto che Barolo e Barbaresco, ovviamente grandissimi vini ma conosciuti da tutti, abbiamo selezionato aree che realizzano vini unici e che in alcuni casi presentano una storia ancor più antica delle denominazioni più blasonate. Anzitutto il Roero, dotato di grande eleganza, poi le denominazioni del Novarese e Vercellese : Ghemme, Gattinara, Boca, Lessona e Bramaterra. Infine la Valtellina, area di montagna dove il Nebbiolo prende il nome di Chiavennasca.
Grazie a questi percorso sarà possibile compiere un viaggio fra queste interpretazioni diverse di un grande vitigno. Attraverso la presenza di più aziende per ognuna di queste aree sarà quindi possibile apprezzare al meglio le differenze date dal terroir.
 
>>>>>>>>>>>>>>>>>

Marcello Coronini
 
Marcello Coronini, scrittore e giornalista, vive e lavora a Milano dove dal 1984 si interessa di comunicazione.
I suoi rapporti con la cultura del vino e della tavola iniziano a Siena nei primi anni dell’Università. In quel periodo frequenta quotidianamente l’Enoteca Italiana che già negli anni ’70 offriva la possibilità di assaggiare, al bicchiere, quasi tutti i vini d’Italia.
Perfeziona le sue competenze frequentando con passione i corsi dell’associazione sommelier, le più importanti manifestazioni enogastronomiche e visitando numerose cantine italiane ed estere. Conoscitore e intenditore appassionato, Marcello Coronini non ama definirsi un esperto di vini, bensì un “cultore” di questi temi.
Dal 1990 ad oggi scrive e pubblica 14 libri sul vino e la gastronomia, mentre come giornalista collabora per le riviste Euposia, Il Corriere Vinicolo, Master Meeting, Sapori e Piaceri.
Poliedrico ideatore di nuove soluzioni, ha inventato un nuovo metodo di abbinamento descritto nel libro “CiboVino – il gusto degli abbinamenti”, a cui Wine Parade di Rai 2 ha dedicato una puntata.
Ha condotto su Rete 4, prima con Sergio Vastano e poi con Susanna Messaggio, la trasmissione “Sapore di Vino”, scrivendone i testi e selezionando i contenuti.
Nel 2006 inizia il suo rapporto con l’Università degli Studi di Milano, che lo incarica di tenere un corso sull’alimentazione presso la facoltà di Medicina.
Ha collaborato alla realizzazione di un’mportante manifestazione a Venezia I Magnifici vini di mare, montagna, pianura e collina, nuova classificazione da lui ideata e brevettata a livello comunitario.
Attualmente collabora con la 7Gold alla trasmissione televisiva “Vini e Sapori d’Autore”. dove da settembre del 2007 racconta nella rubrica Q.B. – Quanto Basta, una serie di curiose ‘pillole’ sul vino e la gastronomia.

Ha Pubblicato diversi libri:
la Guida “I Magnifici vini di mare, montagna, pianura e collina”
“Cibo-Vino – il gusto degli abbinamenti”
3 Ricettari ricchi di curiosi e pratici consigli
“Olio Extravergine”
“Vini Bianchi, Segreti, Annate, Abbinamenti”
“CIBOVINO – La Cucina del Granchio”, e “Vini Rossi, Segreti, Annate, Abbinamenti”
“CIBOVINO – Dizionario degli Abbinamenti”,
“I Ristoranti del Mysteria”
“Mysteria Vini”, collana in 4 volumi: “I Vini del Nord, Centro, Sud Italia e I distillati nel mondo”
 
<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<

Gusto in Scena 2008
 
 
 Per la prima volta s’incontrano le grandi cantine italiane e i produttori di sfizi gastronomici con il mondo dell’alta cucina.
Il congresso gastronomico organizzato a Venezia, crea una sinergia tra un’èlite di produttori e una ristorazione di qualità, realizzando un contatto in grado di aprire importanti orizzonti futuri.
Marcello Coronini, scrittore e giornalista enogastronomico, ha ideato con GUSTO IN SCENA tre eventi in uno
 
 
 
CHEF IN CONCERTO
Un costruttivo confronto tra grandi chef di Italia e Spagna che affronteranno nelle loro presentazioni il dualismo tradizione/innovazione.
Le moderne tecnologie, la globalizzazione, le nuove ‘sostanze’, l’eccesso di spettacolo sono un pericolo per la tradizione o possono convivere?
Addensanti, gelificanti, dolcificanti, tensioattivi hanno cambiato la cucina.
A livello estetico i vantaggi sono indubbi, per fare un esempio le salse sono sempre visivamente perfette e soprattutto i giochi delle consistenze possono aumentare il piacere gustativo e visivo, come nella sferificazione (vere e proprie sfere di liquido).
Ma cosa succede quando queste sostanze vengono ingerite? Quando viaggiano all’interno del nostro organismo e interagiscono con altre molecole?
Cosa risponderebbe un farmacologo, abituato a seguire i percorsi delle molecole e le loro interazioni con l’organismo? Meglio ancora cosa ne pensa un farmacologo che per mantenersi agli studi ha lavorato nelle cucine di in un ristorante di alto livello?
Lo potrete sapere seguendo gli interventi del prof.Francesco Scaglione dell’Università di Milano al Congresso.
Le tematiche dei tre interventi (e mercoledì) verteranno su:
lunedì ore 12: Integrità nutrizionale delle verdure ovvero… fino a quando sono fresche?
lunedì ore 15: La chimica in cucina: luci e ombre.
mercoledì …Analisi delle diverse tipologie di addensanti , gelificanti e… luci e ombre.
I MAGNIFICI VINI di MARE MONTAGNA PIANURA e COLLINA
Un centinaio di cantine italiane, selezionate in funzione della qualità, vengono presentate secondo la nuova classificazione: vini di mare, montagna, pianura e collina ideata e brevettata da Marcello Coronini.
SEDUZIONI DI GOLA
Riunisce una selezione dei protagonisti più rappresentativi del territorio e della tradizione italiana, si potranno degustare prelibatezze diverse e di grandissima qualità.
 
UNA LOCATION ECCEZIONALE
Ospiterà l’evento il Molino Stucky Hilton-Venice, sull’Isola della Giudecca, con caratteristiche architettoniche uniche e con vista su San Marco.
Riaperto nel 2007, dopo 50 anni, rappresenta un pezzo di storia veneziana che valorizza l’evento.
<><<<<<<<<<<<<<<<<
I Magnifici Vini
 
 
Scopri i I Magnifici Vini
 
 
 
Vini di mare, montagna, pianura e collina: un nuovo modo di definire il terroir
 
Terroir è un termine praticamente intraducibile che contiene in sè e indica tutte le caratteristiche di una determinata zona che possono influenzare il vino, dal microclima alla natura del terreno etc..
I Francesi hanno impostato le loro fortune enologiche sul fatto che un grande vino nasce solo in un determinato Terroir. Non hanno però mai pensato di evidenziare i quattro aspetti che lo contraddistinguono: mare, montagna, pianura e collina.
Quando ti viene un’idea nuova, soprattutto se semplicissima come questa, non ti rendi minimamente conto di essere il primo. Stavamo cercando di trovare un modo per caratterizzare la manifestazione a Venezia che avrebbe proposto in degustazione per tutti gli appassionati i vini che trovate in questa guida. Visto che ci si sarebbe trovati a Venezia, il nostro primo pensiero corse a vini del mare, nome troppo caratterizzante che contrastava con la volontà di proporre una panoramica del vino italiano. Improvvisamente ci rendemmo conto che se avessimo associato al mare la montagna, la collina e la pianura avremmo potuto presentare tutte le tipologie di vino, caratterizzandole anche per l’influenza che questi aspetti del Terroir potevano avere avuto.
Non immaginando che questa idea fosse assolutamente nuova ci rivolgemmo all’amico Attilio Scienza che, oltre a essere un personaggio di grande cultura e simpatia, è ordinario di viticoltura all’Università Statale di Milano e uno dei più importanti esperti europei. Fu Attilio che alla domanda sulla novità di questa idea rispose che eravamo i primi a pensarci, non solo ma offrì la sua collaborazione per svilupparla. Grazie al suo aiuto è nato un importante comitato tecnico-scientifico ed è stata realizzata la classificazione dei vini che trovate in questa guida. In seguito, visti i consensi generali, ritenemmo opportuno depositare un brevetto sull’associazione tra queste caratteristiche del terroir. 
 
Gli sviluppi dell’idea

Vini di mare, montagna, pianura e collina è sicuramente un’idea che aiuterà l’appassionato a comprendere meglio certe caratteristiche dei vini.
Nel mondo del vino si parla spesso di condizioni pedoclimatiche, di marne, di terreni calcarei, di versanti, di esposizioni adatte a un’uva e inadatte a un’altra: tutte cose giustissime, ma che sicuramente solo gli addetti ai lavori possono comprendere. E’ noto che le caratteristiche del terroir influenzano notevolmente il prodotto vino: in questi casi, però, il consumatore normale ascolta, subisce e se ne va con la rafforzata convinzione che il vino rimanga un grande mistero.
La suddivisione in “vini di mare, montagna, pianura e collina” è un modo totalmente e immediatamente comprensibile da chiunque perchè fa parte dell’essenza della vita. Tutti infatti capiscono che le differenze tra queste tipologie di territorio influiscono sicuramente sui vini.
Non sarà ovviamente un processo immediato. Occorrerà tempo affinchè il consumatore memorizzi le differenze quantomeno macroscopiche tra vini di mare, montagna, pianura e collina. Certamente, questo modo di identificare il vino gli piacerà molto, lo sentirà suo e ricercherà il piacere di scoprire in giro per il mondo i vini di mare, montagna, pianura e collina. La manifestazione sarà la prima occasione mondiale per abituare il consumatore ad assaggiare e considerare i vini in funzione di queste differenziazioni.
 
 
 
 
 
Pagina precedente
Chef in Concerto
 
 
Tutti gli Chef in Concerto
 
 
 
Chef in concerto: “tra innovazione e tradizione”
Il prestigioso Salone Veneziano dell’Hilton, attrezzato con grandi schermi per la proiezione delle preparazioni, ospiterà “Chef in concerto”, i cui temi verteranno su “Le verdure e le erbe” e su un confronto-scontro vivace e costruttivo tra “tradizione e innovazione” 
 
Gli chef esprimeranno il loro pensiero su questi due temi e presenteranno un piatto su “Le verdure e le erbe” associate a quello che desiderano.
Sino ad oggi nei congressi è stato chiesto di proporre piatti “spettacolari “, noi chiediamo al cuoco di fare e raccontare ciò in cui crede, che realmente si sente dentro, proponendo una presentazione in cui al centro della scena si trovi il gusto, mentre l’estetica e lo spettacolo saranno in secondo piano.
Sono previsti due spazi in cui le associazioni Buon Ricordo e Giovani Ristoratori d’Europa presenteranno le creazioni di alcuni loro chef.
 
 
Il Confronto mediterraneo
Abbiamo pensato di porre al centro della manifestazione un confronto Italia–Spagna, un grande incontro culturale tra due cucine storicamente diverse, ma accomunate dal mediterraneo e dagli antichi rapporti tra la Serenissima e i regni di Spagna. 
 
<<<<<<<<<<<<<<<

Tutte le Seduzioni di Gola 
 
 
 
 
Nel marzo 2005 si è svolta a Venezia la prima edizione de I Magnifici Vini, con la partecipazione di sedici produttori di sfizi gastronomici.
Nella II edizione Marcello Coronini selezionerà una serie di produttori rappresentativi non solo per l’aspetto qualitativo, ma anche per la cultura del territorio e della tradizione.
 
 
Il FOYER dell’Hilton ospiterà: un certo numero di produttori di golosità eccellenti dolci e salate provenienti da tutta Italia, da quelle più note alle produzioni introvabili.
La selezione delle aziende sarà effettuata da Marcello Coronini e da alcuni collaboratori; saranno presenti i produttori che proporranno assaggi delle loro preparazioni e daranno informazioni atte a soddisfare le “curiosità” del loro interlocutore.
<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<
Gusto in Scena: l’Evento
 
 
 Per la prima volta s’incontrano le grandi cantine italiane e i produttori di sfizi gastronomici con il mondo dell’alta cucina. In questo modo si crea una sinergia tra un’èlite di produttori e una ristorazione di qualità, realizzando un contatto in grado di aprire importanti orizzonti futuri. Marcello Coronini, scrittore e giornalista enogastronomico, ha ideato con GUSTO IN SCENA tre eventi dedicati principalmente ad operatori ma aperto anche ad appassionati.
 
 
 
CHEF IN CONCERTO
Un grande confronto Italia – Spagna – con relatori scelti da Marcello Coronini.
Chef in Concerto proporrà un costruttivo confronto tra grandi chef che affronteranno nelle loro presentazioni il dualismo tradizione/innovazione: le nuove tecnologie, la globalizzazione, le nuove “sostanze”, l’eccesso di spettacolo sono un pericolo per la tradizione o possono convivere? Ai relatori verrà affidato il tema: le “verdure e le erbe” associate a quello che desiderano.
A Chef in Concerto protagonista sarà dunque il gusto, mentre estetica e spettacolo avranno un ruolo di “comparse”. Queste ed altre provocazioni saranno al centro dell’evento, che vedrà chef giovani e meno giovani confrontarsi e riflettere su questo tema con dibattiti e degustazioni.
Tre giorni d’incontri con una trentina di relatori di fama internazionale alcuni dei quali, vere autorità in Spagna, saranno per la prima volta ospiti in Italia.
Sono previsti due spazi in cui le associazioni Buon Ricordo e Giovani Ristoratori d’Europa presenteranno le creazioni di alcuni loro chef.

I MAGNIFICI VINI di MARE MONTAGNA PIANURA e COLLINA
Nel marzo 2005, a Venezia, si è svolta la prima edizione de i Magnifici Vini con 120 importanti cantine italiane presentate secondo la nuova classificazione ideata e brevettata da Marcello Coronini: vini di mare, montagna, pianura e collina. Anche per l’Edizione 2008, la selezione delle aziende sarà fatta da Marcello Coronini con alcuni collaboratori; il prof. Attilio Scienza dell’Università degli Studi di Milano deciderà l’appartenenza dei singoli vini a mare, montagna, pianura e collina. Sarà presente, dunque, un numero selezionato di produttori, per mantenere una proposta qualitativa d’alto livello.
Lo splendido FOYER dell’Hilton ospiterà un centinaio di produttori, che dal loro tavolo, uguale per tutti, potranno soddisfare le “curiosità” dei loro interlocutori.

SEDUZIONI DI GOLA
Nella prima edizione de I Magnifici Vini, parteciparono anche alcuni produttori di sfizi gastronomici. Nella II Edizione avranno uno spazio a loro dedicato perchè riteniamo importante per il target dei visitatori proporre importanti esempi qualitativi della tradizione italiana. La selezione verrà effettuata da Marcello Coronini con alcuni collaboratori, in funzione della qualità e con la volontà di valorizzare le tipicità gastronomiche di diverse regioni italiane. Nel FOYER dell’Hilton si potranno degustare alcune sfiziosità gastronomiche e soddisfare le proprie “curiosità”, confrontandosi con i produttori.

UNA LOCATION STRAORDINARIA
Ospiterà l’evento il Molino Stucky Hilton Venice, sull’Isola della Giudecca, con caratteristiche architettoniche uniche e con vista su San Marco. Riaperto nel giugno 2007 dopo 50 anni, grazie ad un’eccezionale opera di recupero, rappresenta un pezzo di storia veneziana.
Molino Stucky Hilton Venice ha un molo privato con navetta per San Marco, è a solo 2 fermate di vaporetto da p.za San Marco, da p.le Roma e dalla stazione; Il grande Salone Veneziano e l’ampio Foyer attiguo, saranno il cuore dell’evento.

DINAMICA DELL’EVENTO
L’ingresso a Chef in Concerto sarà riservato agli iscritti al congresso. A I Magnifici Vini e Seduzioni di Gola potranno accedere tutti i congressisti, i giornalisti, gli altri operatori su invito; gli appassionati, mediante un biglietto di 20 €
Da un ingresso unico si entrerà nel grande foyer a “L”, in cui si trovano i “Magnifici Vini” e “Seduzioni di Gola”, in due aree diverse ma contigue. Dall’interno del foyer si accederà a “Chef in Concerto”: durante l’intervallo gli chef, uscendo, si troveranno a contatto con i produttori con cui potranno degustare e dialogare. I giornalisti e le TV avranno libero accesso a tutto.
 
<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<

Tutti i vini di Gustoinscena 2008
 
 
 
Aglianico del Vulture DOC “Oraziano” 2001 
Casa Vinicola Armando Martino
 
 
 
Aglianico del Vulture DOC 2004 
Casa Vinicola Armando Martino
 
 
 
Albithia Bianco 2006 
Feudi Della Medusa 
 
 
 
Altavilla della Corte Bianco 2007 
Firriato
 
 
 
Altavilla della Corte Bianco 2007 
Planeta – Azienda Agricola
 
 
 
Altissimo – Offida Pecorino DOC 2007 
Agrivitivinicola San Francesco 
 
 
 
Amarone della Valpolicella Classico Terre di Cariano 2003 
Cecilia Beretta
 
 
 
Amarone della Valpolicella DOC Castelliere delle Guaite 
Cantine Giacomo Montresor
 
 
 
Amarone della Valpolicella DOC Rosso 2003 
Trabucchi – Azienda Agricola
 
 
 
Ankon Marche Rosso IGT 2001 
Alessandro Moroder – Azienda Agricola
 
 
 
Anricus – Bianco – 2006 
Santa Giustina – Azienda Agricola
 
 
 
Antinoo Bianco 2005 
Casale Del Giglio – Azienda Agricola
 
 
 
Artetica Salento IGT 2004 
Schola Sarmenti
 
 
 
Arunda Excellor Metodo Classico Rosè 
Arunda 
 
 
 
Arunda Riserva Metodo Classico Bianco 2003 
Arunda 
 
 
 
Bantu Cannonau di Sardegna DOC Rosso 2006 
Vitivinicola Antichi Poderi Jerzu Sca
 
 
 
Barbera d’Alba Mezzavilla Rosso 2006 
Malabaila di Canale
 
 
 
Bellovedere Montepulciano D’Abruzzo DOC Rosso 2004 
Fattoria La Valentina 
 
 
 
Biancosesto – Bianco DOC COF 2006 
La Tunella – Azienda Agricola
 
 
 
Binomio Montepulciano D’Abruzzo DOC Rosso 2003 
Fattoria La Valentina 
 
 
 
Boca Rosso 2003 
Antico Borgo Dei Cavalli di Barbaglia Sergio
 
 
 
Bosco di Gica Brut Valdobbiadene Spumante DOC 
Adami 
 
 
 
Braide Alte – Bianco 2006 
Livon – Azienda Agricola
 
 
 
Bramaterra 2004 
Tenute Sella 1671
 
 
 
Bric Bertu Barbera D’Alba DOC 2005 
Negro Angelo & Figli – Azienda Agricola
 
 
 
Brunello di Montalcino 2003 
Loacker Tenute 
 
 
 
Brunello di Montalcino Riserva 2000 
Col d’Orcia
 
 
 
Brunello di Montalcino Vendemmia 2003 
Col d’Orcia
 
 
 
Brut 
De Tarczal – Azienda Agricola
 
 
 
Brut Rosè Vino Spumante Rosato 2006 
Case Bianche – Tenuta Col Sandago 
 
 
 
Buranco Rosso 2005 
Buranco – Azienda Agricola
 
 
 
Cà Brione Bianco delle Terrazze Retiche 2006 
Nino Negri
 
 
 
Callas Bianco 2006 
Monte Delle Vigne
 
 
 
Campanaro 2006 Campania Bianco IGT 
Feudi Di San Gregorio Spa
 
 
 
Campogiovanni Brunello di Montalcino DOCG 2003 
Agricola San Felice
 
 
 
CampoRe – Taurasi DOCG 2001 
Terredora di Paolo 
 
 
 
Canua Sforzato – Rosso 2003 
Salis 1637 Srl
 
 
 
Capitel Croce 2005 
Anselmi – Azienda Agricola
 
 
 
Capitel Foscarino 2006 
Anselmi – Azienda Agricola
 
 
 
Cartizze Valdobbiadene Conegliano DOC Spumante Dry 
Ruggeri & C. Spa
 
 
 
Casalvecchio 2004 
Pagani De Marchi 
 
 
 
Casanova Pinot Nero DOC Collio 2004 
Castello Di Spessa
 
 
 
Castellinaldo Barbera d’Alba Rosso 2005 
Tenuta Cà Du Russ di Marchisio Sergio
 
 
 
Cerasuolo di Vittoria Rosso DOCG 2006 
Planeta – Azienda Agricola
 
 
 
Chardonnay Bianco Sicilia IGT 2006 
Planeta – Azienda Agricola
 
 
 
Chardonnay Friuli Grave DOC 2006 
Terre Di Ger S.S Di Spinazzè Gianluigi
 
 
 
Chianti Classico Felsina Berardenga DOCG 2005 
Felsina
 
 
 
Chianti Rufina I Veroni DOCG Rosso 2006 
Fattoria I Veroni 
 
 
 
Chianti Rufina Poggio Gualtieri Riserva DOCG 
Fattoria Di Grignano
 
 
 
Chianti Rufina Riserva I Veroni Rosso DOCG 2004 
Fattoria I Veroni 
 
 
 
Chianti Rufina Vendemmia DOCG 2006 
Fattoria Selvapiana
 
 
 
Chianti Rufina Vigneto Bucerchiale Riserva DOCG 2004 
Fattoria Selvapiana
 
 
 
Cinqueterre Buranco DOC Bianco 2006 
Buranco – Azienda Agricola
 
 
 
Cinqueterre Sciacchetrà Buranco DOC Bianco 2005 
Buranco – Azienda Agricola
 
 
 
Clematis Passito di Montepulciano 2002 
Ciccio Zaccagnini – Azienda Agricola
 
 
 
Colline Novaresi Bianco 2006 
Antico Borgo Dei Cavalli di Barbaglia Sergio
 
 
 
Colline Novaresi Vespolina Rosso 2005 
Antico Borgo Dei Cavalli di Barbaglia Sergio
 
 
 
Collio Bianco Col Disore Russiz Superiore 2005 
Marco Felluga Russiz Superiore
 
 
 
Collio Bianco Molamatta Marco Felluga 2006 
Marco Felluga Russiz Superiore
 
 
 
Collio Sauvignon Russiz Superiore 2006 
Marco Felluga Russiz Superiore
 
 
 
Colognole Chianti Rufina DOCG Rosso 2004 
Colognole – Azienda Agricola
 
 
 
Cornelius Cabernet Merlot 2003 
Produttori Colterenzio 
 
 
 
Corte Brà Amarone della Valpolicella Classico Rosso 2001 
Casa Vinicola Sartori
 
 
 
Costarenas Sup. Vermentina DOCG – Bianco 2006 
Tenuta Masone Mannu
 
 
 
Crisaore Rosso 2005 
Feudi Della Medusa 
 
 
 
Cruner Prosecco DOC Spumante Dry 2006-2007 
Le Colture – Azienda Agricola
 
 
 
Cubardi Primitivo Salento IGT 2004 
Schola Sarmenti
 
 
 
Cum Laude S. Antimo DOC Rosso 2004 
Castello Banfi 
 
 
 
Cutaja 
Caruso & Minini Spa
 
 
 
Cuvee Marianna Metodo Classico Bianco 2002-2003 
Arunda 
 
 
 
Dagoberthus Passito di Wildbacher 2004 
Case Bianche – Tenuta Col Sandago 
 
 
 
Dei Casel Extra Dry Valdobbiadene Spumante DOC 
Adami 
 
 
 
DOC Pinerolese Ramie Rosso 2005/2006 
Coutandin Giuliano
 
 
 
Dorico Rosso Conero DOC Riserva 2003 
Alessandro Moroder – Azienda Agricola
 
 
 
Elcione – Rosso IGT Umbria – 2005 
Tenuta Vitalonga – Azienda Agricola Maravalle
 
 
 
Elmasut Rosso delle Venezie IGT 2004 
Terre Di Ger S.S Di Spinazzè Gianluigi
 
 
 
Entu – IGT – Isola Dei Nuraghi – Rosso 2006 
Tenuta Masone Mannu
 
 
 
Fagher Prosecco DOC Spumante Brut 2006-2007 
Le Colture – Azienda Agricola
 
 
 
Filo di Arianna Lugana Superiore Bianco DOC 2005 
Tenuta Roveglia Snc
 
 
 
Florus Moscadello di Montalcino DOC Bianco 2005 
Castello Banfi 
 
 
 
Fontalloro IGT 2004 
Felsina
 
 
 
Foradori Teroldego Rotaliano DOC Rosso 2005 
Foradori – Azienda Agricola
 
 
 
Franciacorta Brut Mill.2004 – Bollicine 
Monzio Compagnoni – Azienda Agricola
 
 
 
Franciacorta Extra Brut Mill.2003 – Bollicine 
Monzio Compagnoni – Azienda Agricola
 
 
 
Franciacorta Saten Mill.2003 – Bollicine 
Monzio Compagnoni – Azienda Agricola
 
 
 
Garda Classico Negresco DOC 2006 
Provenza – Azienda Agricola
 
 
 
Gattinara Trevigne 2001 DOCG 
Travaglini Giancarlo
 
 
 
Gattinara Selezione 2003 DOCG 
Travaglini Giancarlo
 
 
 
Gattinara Riserva 2001 DOCG 
Travaglini Giancarlo
 
 
 
Gewürztraminer Atisis Cornell 2006 
Produttori Colterenzio 
 
 
 
Ghemme 2001 
Mirù di Zecchinato Bruna – Azienda Agricola
 
 
 
Ghemme DOCG Rosso 2001 
Rovellotti Viticoltori in Ghemme
 
 
 
Ghemme Riserva DOCG Rosso 2000 
Rovellotti Viticoltori in Ghemme
 
 
 
Ghiaie della Furba Rosso IGT 2001 
Tenuta Di Capezzana 
 
 
 
Giancòla Malvasia Bianca Salento Bianco IGT 2006 
Tenute Rubino
 
 
 
Giustino B. Valdobbiadene Conegliano DOC Spumante Extra Dry 
Ruggeri & C. Spa
 
 
 
Gran Guardia Lugana DOC 
Cantine Giacomo Montresor
 
 
 
Granato Vigneti delle Dolomiti IGT Rosso 2004 
Foradori – Azienda Agricola
 
 
 
Greco di Tufo DOCG 2007 Bianco 
Vinosia Srl
 
 
 
Grillo 
Caruso & Minini Spa
 
 
 
Hierà IGT Sicilia (Rosso) 2006 
Carlo Hauner – Azienda Agricola
 
 
 
I Capitelli 2005 
Anselmi – Azienda Agricola
 
 
 
I Porfidi Bramaterra 2003 
Tenute Sella 1671
 
 
 
Il Drappo Nero D’Avola 2003 
Azienda Vinicola Benanti Srl
 
 
 
Josto Miglior Cannonau di Sardegna Riserva Rosso 2004 
Vitivinicola Antichi Poderi Jerzu Sca
 
 
 
La Segreta Bianco Sicilia IGT 2007 
Planeta – Azienda Agricola
 
 
 
Lambrusco Grasparossa di Castelvetro DOC 
Tenuta Pederzana – Azienda Agricola
 
 
 
Lande dei Gonzaga – Lambrusco provincia di Mantova – IGT Rosso – 2007 
Casina Rossa Srl
 
 
 
Laudi – Rosso Piceno Superiore DOC 2003 
Agrivitivinicola San Francesco 
 
 
 
Lessona 2004 
Tenute Sella 1671
 
 
 
Loggia della Serra – Greco di Tufo DOCG 2007 
Terredora di Paolo 
 
 
 
Lugana Bianco DOC 2007 
Tenuta Roveglia Snc
 
 
 
Lugana DOC Le Creete 2006 
Ottella di Lodovico Montresor – Azienda Agricola
 
 
 
Lugana DOC Spumante Brut 
F.lli Fraccaroli – Azienda Agricola
 
 
 
Lugana DOC Superiore Molceo 2005 
Ottella di Lodovico Montresor – Azienda Agricola
 
 
 
Lugana Podere Selva Capuzza DOC 2007 
Podere Selva Capuzza
 
 
 
Lugana Superiore Molin Bianco DOC 2006 
Provenza – Azienda Agricola
 
 
 
Lugana Superiore Podere Selva Capuzza DOC 2005 
Podere Selva Capuzza
 
 
 
Lugana Tenuta Maiolo DOC Bianco 2007 
Provenza – Azienda Agricola
 
 
 
Lume Vino Dolce da Appassimento 
Podere Selva Capuzza
 
 
 
Lunare Gewûrztraminer Bianco 2006 
Cantina Produttori Di Terlano
 
 
 
Malvasia 2006 
Le Vigne Di Zamò 
 
 
 
Malvasia delle Lipari DOC (Dolce) 2006 
Carlo Hauner – Azienda Agricola
 
 
 
Malvasia delle Lipari DOC Selezione Carlo Hauner (Dolce) 2004 
Carlo Hauner – Azienda Agricola
 
 
 
Malvasia delle Lipari Passito DOC 2005 
Fenech Francesco – Azienda Agricola
 
 
 
Malvasia Dolce Bianco 2007 
Monte Delle Vigne
 
 
 
Marani Bianco Veronese IGT Bianco 2006 
Casa Vinicola Sartori
 
 
 
Marghia Cannonau di Sardegna Riserva Rosso 2005 
Vitivinicola Antichi Poderi Jerzu Sca
 
 
 
Marzemino 
De Tarczal – Azienda Agricola
 
 
 
Mater Matuta Rosso 2004 
Casale Del Giglio – Azienda Agricola
 
 
 
Mazzolino Bonarda Rosso 2006 
Tenuta Mazzolino
 
 
 
Mazzolino Brut (Chardonnay) Bianco 2002 
Tenuta Mazzolino
 
 
 
Montefalco Rosso 2005 
Casale Triocco
 
 
 
Montefalco Sagrantino 2004 Rosso 
Casale Triocco
 
 
 
Montefalco Sagrantino Passito 2003 Rosso 
Casale Triocco
 
 
 
Montepulciano D’Abruzzo DOC La Valentina Rosso 2005 
Fattoria La Valentina 
 
 
 
Morellino di Scansano 2005 
Loacker Tenute 
 
 
 
Moscato di Scanzo DOC 
Tallarini Vini
 
 
 
Myrto Vigneti delle Dolomiti IGT Bianco 2006 
Foradori – Azienda Agricola
 
 
 
Nabucco Rosso 2004 
Monte Delle Vigne
 
 
 
Nebbiolo 2003 
Mirù di Zecchinato Bruna – Azienda Agricola
 
 
 
Nepomuceno Benaco Bresciano Merlot IGT 2004 
Cantrina di Inganni Cristina
 
 
 
Nerio Nardò Riserva DOC 2001 
Schola Sarmenti
 
 
 
Nero d’Avola 2005 – Rosso 
Aziende Vinicole Miceli 
 
 
 
Nia Maro 2005 – Rosso Merlot 
Aziende Vinicole Miceli 
 
 
 
Nobile di Montepulciano DOCG 2005 
Boscarelli Di Luca & Nicolò De Ferrari Ssa
 
 
 
Nocio dei Boscarelli Nobile di Montepulciano DOCG 2004 
Boscarelli Di Luca & Nicolò De Ferrari Ssa
 
 
 
Norace Rosso 2003 
Feudi Della Medusa 
 
 
 
Numero Rosso 2003 IGT 
Plozza Srl
 
 
 
Olnata 2004 
Pagani De Marchi 
 
 
 
Oro Vino Passito 2003 
Alessandro Moroder – Azienda Agricola
 
 
 
Pàtrimo 2004 – Irpinia Rosso IGT 
Feudi Di San Gregorio Spa
 
 
 
Perciato Bianco Sicilia IGT 2006 
Fenech Francesco – Azienda Agricola
 
 
 
Perciato Rosso Sicilia IGT 2006 
Fenech Francesco – Azienda Agricola
 
 
 
Perdaudin Roero Arneis DOCG 2007 
Negro Angelo & Figli – Azienda Agricola
 
 
 
Petit Verdot Rosso 2005 
Casale Del Giglio – Azienda Agricola
 
 
 
Petrizza – Vermentino DOCG – Bianco 2006 
Tenuta Masone Mannu
 
 
 
Piano di Montevergine 2001- Taurasi Riserva DOCG Rosso 
Feudi Di San Gregorio Spa
 
 
 
Picaie Rosso Veronese IGT 2004 
Cecilia Beretta
 
 
 
Pietramarina Etna Bianco Superiore DOC 2003 
Azienda Vinicola Benanti Srl
 
 
 
Pinot Bianco 
De Tarczal – Azienda Agricola
 
 
 
Pinot Bianco Acclivis Cornell 
Produttori Colterenzio 
 
 
 
Pinot Bianco Alto Adige DOC 
Kettmeir
 
 
 
Pinot Grigio ” Jesera” DOC Collio Bianco 2006 
Venica & Venica 
 
 
 
Pinot Grigio DOC Collio 2006 
Castello Di Spessa
 
 
 
Pinot Nero Alto Adige DOC 
Kettmeir
 
 
 
Pinot Nero Noir Rosso 2004 
Tenuta Mazzolino
 
 
 
Poggio alle Mura Brunello di Montalcino DOCG Rosso 2003 
Castello Banfi 
 
 
 
Poggio Rosso Chianti Classico Riserva DOCG 2003 
Agricola San Felice
 
 
 
Porphyr Lagrein Rosso 2005 
Cantina Produttori Di Terlano
 
 
 
Prima Luce Passito 2005 
Ottella di Lodovico Montresor – Azienda Agricola
 
 
 
Principe Guerriero 2004 
Pagani De Marchi 
 
 
 
Prosecco DOC Valdobbiadene Brut 2007 
Drusian Francesco – Azienda Agricola
 
 
 
Prosecco DOC Valdobbiadene extra Dry 2007 
Drusian Francesco – Azienda Agricola
 
 
 
Prugnolo Rosso di Montepulciano DOC 2006 
Boscarelli Di Luca & Nicolò De Ferrari Ssa
 
 
 
Puntamora 2005 Rosso Vivace Amabile di vendemmia tardiva 
Tenuta Pederzana – Azienda Agricola
 
 
 
Quartese Valdobbiadene Conegliano DOC Spumante Brut 
Ruggeri & C. Spa
 
 
 
Quarz Sauvignon Bianco 2006 
Cantina Produttori Di Terlano
 
 
 
Radiosa – Offida Passerina DOC 2007 
Agrivitivinicola San Francesco 
 
 
 
Rancia Riserva Felsina Berardenga DOCG 2004 
Felsina
 
 
 
Recioto della Valpolicella DOC Rosso 2005 
Trabucchi – Azienda Agricola
 
 
 
Refosco Bottaz IGT Venezia Giulia Rosso 2003 
Venica & Venica 
 
 
 
Refosco dal Peduncolo Rosso DOC COF 2004 
Jacùss 
 
 
 
Regolo Valpolicella Superiore Ripasso Rosso 2004 
Casa Vinicola Sartori
 
 
 
Ribeca Rosso 2004 
Firriato
 
 
 
Rinè Benaco Bresciano IGT 
Cantrina di Inganni Cristina
 
 
 
Ripasso Valpolicella Classico Capitel della Crosara 
Cantine Giacomo Montresor
 
 
 
Riserva del Don Chianti Rufina Riserva DOCG Rosso 2003 
Colognole – Azienda Agricola
 
 
 
Roero Arneis Bianco 2007 
Tenuta Cà Du Russ di Marchisio Sergio
 
 
 
Roero Arneis Pradvaj Bianco 2007 
Malabaila di Canale
 
 
 
Roero Arneis Renesio Bianco 2007 
Malvirà – Azienda Agricola
 
 
 
Roero Castelletto 2003 Rosso 
Malabaila di Canale
 
 
 
Roero Molbemtramo Superiore Rosso 2004 
Malvirà – Azienda Agricola
 
 
 
Roero Sup.Riserva Francesca Rosso 2005 
Tenuta Cà Du Russ di Marchisio Sergio
 
 
 
Roero Trinità Superiore Rosso 2000 
Malvirà – Azienda Agricola
 
 
 
Ronco delle Mele Sauvignon DOC Collio Bianco 2006 
Venica & Venica 
 
 
 
Ronco Roseti 2003 
Le Vigne Di Zamò 
 
 
 
Rosa d’Inverno – Rosso 2005 
Santa Giustina – Azienda Agricola
 
 
 
Rosso Basilicata IGT “Carolin” 2007 
Casa Vinicola Armando Martino
 
 
 
S. Antimo Cabernet “Olmaia” 2004 
Col d’Orcia
 
 
 
Sachia 
Caruso & Minini Spa
 
 
 
Salera Colli di Conegliano Rosso DOC 2003 
Le Colture – Azienda Agricola
 
 
 
Salicaria Toscana Rosso IGT 
Fattoria Di Grignano
 
 
 
Saloncello Rosso 2006 
Salis 1637 Srl
 
 
 
San Clemente Montepulciano 2005 
Ciccio Zaccagnini – Azienda Agricola
 
 
 
San Clemente Trebbiano 2006 
Ciccio Zaccagnini – Azienda Agricola
 
 
 
San Giovannino Valcalepio Rosso Riserva DOC 
Tallarini Vini
 
 
 
San Leonardo Rosso 2003 
Tenuta San Leonardo
 
 
 
Santagostino Baglio Soria Rosso 2005 
Firriato
 
 
 
Santarosa Pinot Bianco DOC Collio 2004 
Castello Di Spessa
 
 
 
Sassella Riserva La Scala Rosso 2004 DOCG 
Plozza Srl
 
 
 
Sauvignon delle Venezie IGT 2006 
Terre Di Ger S.S Di Spinazzè Gianluigi
 
 
 
Schioppettino Selènze Rosso DOC COF 2005 
La Tunella – Azienda Agricola
 
 
 
Serafo Bergamasca Rosso IGT 
Tallarini Vini
 
 
 
Serra della Contessa Etna Rosso DOC 2003 
Azienda Vinicola Benanti Srl
 
 
 
Sfursat di Valtellina “5 stelle” 2004 
Nino Negri
 
 
 
Soavemente DOC 2007 Bianco 
Vinosia Srl
 
 
 
Solarco Collio Bianco – Bianco 2006 
Livon – Azienda Agricola
 
 
 
Spumante Metodo Classico Tradizionale Rosè V.S.Q. 
Kettmeir
 
 
 
Sudisfà Roero DOC 2004 
Negro Angelo & Figli – Azienda Agricola
 
 
 
Tasnim Sauvignon Blanc 2007 prova della botte 
Loacker Tenute 
 
 
 
Taurasi DOCG 2003 Rosso 
Vinosia Srl
 
 
 
Tazzelenghe Rosso DOC COF 2004 
Jacùss 
 
 
 
Tegolaia IGT di Toscana 2003 
Travignoli 
 
 
 
Tenuta Alzatura Sograntino di Montefalco Riserva DOC 2004 
Cecchi Family Estates
 
 
 
Terra di confine – Rosso IGT Umbria – 2004 
Tenuta Vitalonga – Azienda Agricola Maravalle
 
 
 
Terre del Pelacane IGT Toscana Rosso 2006 
Fattoria I Veroni 
 
 
 
Terre di Dora – Fiano di Avellino DOCG 2007 
Terredora di Paolo 
 
 
 
Terre di San Colombiano Valpolicella Superiore DOC Rosso 2004 
Trabucchi – Azienda Agricola
 
 
 
Tiareblù- Rosso 2005 
Livon – Azienda Agricola
 
 
 
Timpune 
Caruso e Minini
 
 
 
Tocai Friulano DOC COF 2006 
Jacùss 
 
 
 
Tocai Friulano Selènze Bianco DOC COF 2006 
La Tunella – Azienda Agricola
 
 
 
Tocai Vigne 50 Anni 2006 
Le Vigne Di Zamò 
 
 
 
Torre della Sirena Bianco 2007 
Salis 1637 Srl
 
 
 
Torretesta-Susumaniello Salento Rosso IGT 2004 
Tenute Rubino
 
 
 
Travignoli Chianti Rufina 2006 
Travignoli 
 
 
 
Travignoli Chianti Rufina Riserva 2005 
Travignoli 
 
 
 
Trebbiano di Capezzana Bianco IGT 2004 
Tenuta Di Capezzana 
 
 
 
Ubi Maior Rosso 2004 
Tenuta Pederzana – Azienda Agricola
 
 
 
Uva Rara 2005 
Mirù di Zecchinato Bruna – Azienda Agricola
 
 
 
V.T.R Barbiche Rosso 2004 
Coutandin Giuliano
 
 
 
Val delle Rose Morellino di Scansano Riserva DOC 2004 
Cecchi Family Estates
 
 
 
Valdenrico Vino Passito Bianco 2004 
Rovellotti Viticoltori in Ghemme
 
 
 
Valdobbiadene Superiore di Cartizze Dry 2007 
Drusian Francesco – Azienda Agricola
 
 
 
Valpolicella Superiore Ripasso DOC 2005 
Cecilia Beretta
 
 
 
Valtellina Superiore “Mazer” 2004 
Nino Negri
 
 
 
Vigna Campo Sera Lugana DOC Superiore 2006 
F.lli Fraccaroli – Azienda Agricola
 
 
 
Vigne di Catullo Lugana Superiore Bianco DOC 2006 
Tenuta Roveglia Snc
 
 
 
Vigneto Giardino Dry Valdobbiadene Spumante DOC 2007 
Adami 
 
 
 
Vigneto Pansere Lugana DOC 2007 
F.lli Fraccaroli – Azienda Agricola
 
 
 
Villa Cerna Chianti Classico Riserva DOCG 2004 
Cecchi Family Estates
 
 
 
Villa di Capezzana Carmignano Rosso DOCG 2004 
Tenuta Di Capezzana 
 
 
 
Villa Gresti Rosso 2003 
Tenuta San Leonardo
 
 
 
Villa Soldati – Rosso- 2004 
Santa Giustina – Azienda Agricola
 
 
 
Vin da Cà Sfursat Rosso 2004 DOCG 
Plozza Srl
 
 
 
Vin Santo del Chianti Rufina DOC 2001 
Fattoria Selvapiana
 
 
 
Vinsanto del Chianti Rufina DOC 
Fattoria Di Grignano
 
 
 
Visellio Primitivo Salento Rosso IGT 2005 
Tenute Rubino
 
 
 
Wildbacher Rosso Colli Trevigiani IGT 2003 
Case Bianche – Tenuta Col Sandago 
 
 
 
YRNM 2006 – Bianco Moscato Secco Pantelleria 
Aziende Vinicole Miceli 
 
 
 
Zerdi Benaco Bresciano IGT Rosso 2005 
Cantrina di Inganni Cristina
 
<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<

Gli Chef
 
 
Gli Chef partecipanti a Gusto in Scena
 
Relatori
 
• Juan Mari Arzak  
• Martin Berasategui  
• Marco Bistarelli  – Jeunes Restaurateurs 
• Marco Bortolini  – Buon Ricordo 
• Massimo Bottura  
• Jordi Butron  
• Alfonso Caputo  
• Chicco Cerea  – Jeunes Restaurateurs 
• Piero D’Agostino  – Jeunes Restaurateurs 
• Riccardo De Prà  – Jeunes Restaurateurs 
• Corrado Fasolato  
• Herbert Hintner  
• Alfonso Jaccarino  
• Nando Jubany  
• Pietro Leemann  
• Gualtiero Marchesi  
• Norbert Niederkofler  
• Fina & Manel  Puigvert  
• Josep Roca  
• Maurizio Serva  – Buon Ricordo 
• Pedro  Subijana  
• Paolo Teverini  – Buon Ricordo 
• Gaetano Trovato  
• Mauro Uliassi  
• Piero Zanini  
 
Le aziende partecipanti a Gusto in Scena
 
 
 
  Associazioni
• AIS Alto Adige (Associazione Italiana Sommeliers 
 
• AIS Lombardia (Associazione Italiana Sommeliers) 
 
• AIS Trentino (Associazione Italiana Sommelliers) 
 
• AIS Veneto (Associazione Italiana Sommeliers) 
 
• Associazione Jeunes Restaurateurs D’Europe 
 
• Associazione Ristoranti Buon Ricordo 
 
• Associazione Ristoratori UIR 
 
• Castalimenti (Centro Arte Scienza Tecnologia dell’Alimento) 
 
• CIPAS (Consulenza Alberghiera) 
 
 

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...